Economia / Soldi fermi sul conto corrente: pagare per prestare

Gli italiani continuano a tenere liquidi tantissimi soldi: 1.400 miliardi di euro, una cifra equivalente a oltre metà del Pil del Paese.

Di questi, circa 1000 sono in capo alle famiglie.

Eppure, anche usando conti corrente solo online (i più economici) il denaro tenuto fermo in banca e non investito non solo non rende, ma viene eroso da commissioni e inflazione.

Un recente studio, basato su profili di correntisti “medi”, dimostra che in sette casi esaminati su otto tipologie di conti correnti online, il risparmiatore mantenendo il denaro liquido vede diminuire, e non aumentare, i propri risparmi.

Paura del futuro, pigrizia, scarsa cultura finanziaria (per investire occorre studiare almeno un po’ gli strumenti finanziari assieme al proprio consulente) sono alla base della preferenza per la liquidità.

Del resto, agli italiani il cash piace ancora tanto: il nostro, dopo la Grecia, è il Paese della Ue dove la percentuale di contante in circolazione rispetto al Pil è più alto: siamo ad oltre l’11% quando nei Paesi Bassi è solo l’1,5% e la tendenza rimane in crescita anno dopo anno.

Già, il mondo cambia, l’online domina il mondo finanziario, eppure il risparmiatore italiano usa le banconote addirittura più che in passato!

Complice una rete di sportelli Bancomat estesissima, addirittura i prelievi agli ATM aumentano ogni anno del 9%.

Ma ha ancora un senso tenere tanto denaro liquido e usare tanto il contante?

Ti rispondo chiaramente: no, oggi NON ha senso.

Il cash va usato per le necessità quotidiane che non possono essere saldate con moneta elettronica (sempre meno) e per affrontare eventuali imprevisti che non puoi demandare alle polizze di protezione.

Per il resto, il denaro va investito in strumenti finanziari adeguati alle tue esigenze, cioè con durate legate all’effettivo utilizzo degli stessi risparmi.

Detenere liquidità per il non si sai mai è il classico esempio di inefficienza, lo riportano ormai centinaia di studi sulla materia, ma nel nostro Paese è ancora uno sport diffusissimo, come dimostrano i dati riportati in questo articolo.

Questi strumenti finanziari, nonostante la volatilità dei mercati (siano essi azionari oppure obbligazionari) saranno comunque sempre più redditizi di quanto siano i conti correnti, nel periodo di tempo adeguato.

Non farlo significa pagare una tassa occulta, che si risolve nel pagare qualcuno per prestargli soldi (che sia la banca o sia lo Stato, quando acquisti Bot o Cct a rendimenti negativi).

E’ più chiaro ora perchè la tua convenienza è zero, anzi sottozero?

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.